Ti trovi qui
Home > Teleskill > Teleskill e-learning 2.0 adesso disponibile anche su Moodle. Intervista con Emanuele Pucci

Teleskill e-learning 2.0 adesso disponibile anche su Moodle. Intervista con Emanuele Pucci

In occasione dello sviluppo del modulo per Moodle Teleskill e-learning 2.0 abbiamo intervistato Emanuele Pucci, Amministratore Delegato di Teleskill
Stampa

D: Nasce un nuovo modulo Moodle – Teleskill e-learning 2.0. State dedicando molte energie a questo settore. Perché?
R: L’e-learning 2.0 è la nuova frontiera della formazione a distanza che integra in un unico percorso formativo attività e-learning tradizionali con attività interattive svolte in sincrono. Sulla base di questa convinzione abbiamo deciso di applicare il concetto di e-learning 2.0 ad una delle piattaforme per la formazione a distanza più diffuse al mondo: Moodle. Il modulo Teleskill e-learning 2.0 sviluppato per Moodle consente di disporre dello strumento di formazione sincrona – Teleskill Live – all’interno della piattaforma. . Grazie alle A.P.I. su tutte le funzionalità sviluppate per Teleskill Live, Moodle ottiene una classe virtuale completamente integrata nell’LMS, con la possibilità di: creare un percorso formativo blended (formazione on-demand e classe virtuale), effettuare il caricamento automatico della registrazione della classe virtuale, anche in formato SCORM, in un pre-determinato percorso formativo e infine ottenere la scheda formativa dell’utente comprensiva dei tracciamenti delle statistiche di presenza in aula virtuale e nei corsi on-demand e i risultati cumulativi dei questionari in diretta e on-demand.
Crediamo che Teleskill e-learning 2.0 rappresenti una concreta soluzione anche per le PMI, per scuole ed università, al fine di uscire dall’emergenza, e aiutarle a competere, dando uno sprint al cambiamento creando valore, cultura aziendale, formazione continua, spirito d’impresa.

D: L’e-learning 2.0 è un concetto sempre più popolare in rete ed ora, come accennato, è disponibile anche su Moodle. Ma cosa aggiunge realmente alla formazione a distanza di Moodle?
R. Aggiunge molto. Come ripeto, consente di organizzare un percorso formativo blended, misto per intenderci, con moduli e-learning on-demand e attività di classe virtuale in diretta. Entrambi facilmente organizzabili, con livelli di propedeuticità liberamente definibili. Inoltre, ed è una bella novità, offrendo un tracciamento unico della presenza e delle risposte ai questionari delle attività di e-learning on-demand e di classi virtuali in diretta, consente la creazione di una scheda formativa completa e facilmente analizzabile.

D: Moodle lo ha già adottato ed è una bella conferma. Ma perché credi che Teleskill e-learning 2.0. sia un prodotto appetibile oggi?
R: Proprio per i tempi che stiamo vivendo. La rapidità e l’efficacia della comunicazione tra le persone all’interno delle organizzazioni, e nei rapporti con il contesto esterno, è il fattore chiave del cambiamento. Teleskill da anni impiega modalità mirate di comunicazione multimediale on line per creare o diffondere rapidamente competenze ed ha elaborato oggi propri strumenti tecnologici e proprie metodologie per impiegare in modo integrato le nuove modalità di comunicazione del web. Dopo aver conseguito notevoli esperienze nell’ e-learning tradizionale, oggi lo arricchiamo con strumenti di comunicazione live: video conference, webmeeting, registrazioni evolute in formato SCORM, condivisione di informazioni multimediali, comunicazione generalizzata e mirata via web …. In pratica Teleskill e-learning 2.0 è composto da strumenti che lavorano sinergicamente e, dato che sono nati e sviluppati in Teleskill, che possono essere adattati alle singole esigenze di ogni cliente.

D: Ho letto alcune vostre brochure e mi ha incuriosito una definizione. Cosa significa che è un e-learning social?
R: Proprio quello che tutti intendiamo come social. Teleskill e-learning 2.0 interpreta l’esigenza di molti utenti di adattare i propri strumenti formativi ai nuovi contesti social. Permette di creare autonomamente un percorso formativo e comunicativo “su misura”, per adattarsi a nuovi scenari di evoluzione e cambiamento. Teleskill e-learning 2.0 consente di ridurre (o azzerare) i costi della produzione dei corsi e ne favorisce l’interattività.
Le classiche comunità di pratica inoltre, vengono arricchite da uno strumento di webconferencing che consente di discutere on-line in tempo reale su temi di interesse per quel singolo gruppo di utenti. L’apprendimento collaborativo, infatti, è alla base dell’e-learning social. Con l’adozione di Teleskill Live, sarà possibile per esempio, aggiungere l’audio-video al normale post scritto, per aggiungere comunicatività al dialogo e quindi maggiore attenzione degli utenti per le competenze generate dalla collettività.

D: State lavorando a un evento per confrontarvi con le comunità di e-learning?
R: Certamente, ma sarà un evento aperto a tutti e proprio per le ragioni dette precedentemente. Crediamo che sia molto utile a chi già opera nella formazione a distanza, ma soprattutto a imprese e liberi professionisti che vogliono competere e crescere in un web e in un mercato che cambia ogni giorno.

angelo simone
Angelo Simone è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera come obiettore di coscienza, per 18 mesi, in ARCI - Legambiente Direzione Nazionale, nel 1990. In quell’ambiente ha appreso i principi guida dell’associazionismo “no profit” e della comunicazione per enti e istituzioni. Dal 1992 al 2005 ha collezionato rilevanti esperienze come copywriter in agenzie di comunicazione nazionali e internazionali tra cui Ayer, Grey, TBWA, Leo Burnett, Ogilvy, realizzando progetti di comunicazione per Telefono Rosa, Greenpeace, Medici senza Frontiere e grandi marchi del settore automotive, innovazione digitale, istituzioni. Oggi si occupa di scrittura in diversi ambiti: ufficio stampa, social media marketing , web marketing, sceneggiatura, narrativa.
Top