Ti trovi qui
Home > INTERVISTA > Protocollo MBSR a Genova. Intervista con Nicoletta Cinotti

Protocollo MBSR a Genova. Intervista con Nicoletta Cinotti

Conversazione con Nicoletta Cinotti, in occasione dell’edizione 2017 del protocollo MBSR a Genova.

Un nuovo appuntamento con la mindfulness e con i suoi benefici effetti sulla salute del corpo e della mente, sta per partire a Genova. Abbiamo rivolto alcune domande all’organizzatrice del corso, Nicoletta Cinotti, psicoterapeuta, istruttore senior di protocolli MBSR, MBCT e Mindfulness Interpersonale.

Prima di tutto, qual è la differenza tra mindfulness e protocollo MBSR?

Nicoletta Cinotti: La mindfulness è il tema generale in cui ci si muove. Il protocollo MBSR, invece è una declinazione basata specificatamente sulla riduzione dello stress e delle conseguenze, anche gravi che uno stress prolungato produce sul corpo, a volte con la comparsa di piccoli disturbi, a volte favorendo il terreno a patologie invalidanti.

Il programma MBSR (mindfulness Based Stress Reduction) nasce negli Stati Uniti alla fine degli anni ’70, dal lavoro di Jon Kabat- Zinn alla facoltà di Medicina del Massachussets, una delle facoltà dell’eccellenza medica. Kabat Zinn accentrò la sua attenzione su cosa succede quando si è sottoposti ad uno stress – sia legato ad una malattia fisica che ad un disagio psichico – e notò che lo stress altera la capacità del soggetto stressato di rispondere adeguatamente agli eventi, innescando un circolo vizioso difficile da sciogliere.

 Quando inizia il corso?

Nicoletta Cinotti: Dal 6 febbraio, ma è prevista una serata di presentazione il 25 gennaio sempre presso il Centro Studi di Genova.

 A chi consiglierebbe di seguire il protocollo MBSR?

Nicoletta Cinotti: È un corso che può essere utile a tutti; è difficile trovare qualcuno esente da stress. In ogni caso a quanti vogliano portare nella propria vita la dolce forza della mindfulness e scoprire come si possa trasformare in meglio il proprio modo di vivere e interpretare l’esistenza. Quando si comincia a praticare, il nostro passato, qualunque sia stato, il dolore e la sofferenza che ha comportato, diventano la base per stare nel momento presente con consapevolezza, equanimità, chiarezza e sollecitudine. Come spesso ricorda Jon Kabat Zinn, noi siamo molto di più e molto di meglio delle difficoltà che incontriamo quotidianamente e la mindfulness può essere una strada semplice, per nutrire le nostre risorse e la nostra salute.

In cosa consiste il corso?

Nicoletta Cinotti:

Il protocollo MBSR nasce come programma di 8 settimane e segue un percorso attentamente strutturato per permettere di acquisire la padronanza degli strumenti proposti e la capacità, al termine del corso, di portarli avanti autonomamente. L’intenzione del programma è quella di aumentare la consapevolezza di se stessi nella propria vita quotidiana, in modo da riconoscere i propri segnali di stress e affrontarli in modo diverso dal solito. Le otto settimane, con un incontro settimanale, saranno un percorso progressivo per imparare ad utilizzare una risorsa che abbiamo a disposizione ma che troppo spesso dimentichiamo: la consapevolezza rispetto ai nostri processi mentali, emotivi e fisici, mediata dal lavoro corporeo e dall’attenzione al respiro”.

Quando

6 febbraio 2017 ore 19:30 – 21:30

Dove

Centro Studi Bioenergetica e Mindfulness

Genova, Via I. Frugoni 15/2

Serata di presentazione a ingresso libero con prenotazione:

25 Gennaio 2017 ore 20:00 – 21:30

Info e approfondimenti

nicoletta.cinotti@gmail.com

http://nicolettacinotti.net/eventi/il-protocollo-mbsr-a-genova/

angelo simone
Angelo Simone è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera come obiettore di coscienza, per 18 mesi, in ARCI - Legambiente Direzione Nazionale, nel 1990. In quell’ambiente ha appreso i principi guida dell’associazionismo “no profit” e della comunicazione per enti e istituzioni. Dal 1992 al 2005 ha collezionato rilevanti esperienze come copywriter in agenzie di comunicazione nazionali e internazionali tra cui Ayer, Grey, TBWA, Leo Burnett, Ogilvy, realizzando progetti di comunicazione per Telefono Rosa, Greenpeace, Medici senza Frontiere e grandi marchi del settore automotive, innovazione digitale, istituzioni. Oggi si occupa di scrittura in diversi ambiti: ufficio stampa, social media marketing , web marketing, sceneggiatura, narrativa.
Top