Ti trovi qui
Home > NEWS > Primo anno del Corso di Counseling Istituto HeskaiHer. Il bilancio di Elena DDV Dragotto

Primo anno del Corso di Counseling Istituto HeskaiHer. Il bilancio di Elena DDV Dragotto

Giunti al termine del primo anno del Corso di Counseling a indirizzo Voice Dialogue dell’Istituto HeskaiHer, diretto dalla dottoressa Elena DDV Dragotto, tracciamo un primo bilancio di questi mesi passati tra la sede di Roma e quella di Torino

È già trascorso un anno dall’inizio della Scuola. Cosa ha condiviso con gli allievi in questo periodo?
Elena DDV Dragotto:
In due parole posso dire: un linguaggio e la visione. La nostra Scuola forma counselor ad approccio Voice Dialogue, e nei primi mesi è stato fondamentale per i partecipanti imparare ad usare un linguaggio sconosciuto. Un linguaggio, quello del Voice Dialogue, che si propone come chiave di lettura potente e illuminante del mondo interiore e del mondo delle relazioni. La comprensione di questo linguaggio si è trasformata, nel tempo, da acquisizione dei concetti, in vissuto e, conseguentemente, in stupefacente percorso di crescita personale.
La visione. Ho intrapreso l’avventura della Scuola di counseling con l’intento di formare non solo dei professionisti, ma anche e soprattutto degli esseri umani. Uomini e Donne responsabili e compassionevoli, intuitivi e flessibili, aperti e fluidi, che confidano contemporaneamente in loro stessi e nell’Intelligenza dell’Universo, ispirati ed ispiranti, che guardano alle sfide della vita come opportunità di crescita e scelgono consapevolmente di coglierne il tesoro. E’ stato emozionante scoprire, alla fine, che l’intento è diventato sempre più condiviso, un terreno comune su cui danzare e crescere insieme.

Cosa attende gli allievi nel prossimo anno?
Elena DDV Dragotto:
Sicuramente un’apertura maggiore all’aspetto professionalizzante del percorso, senza accantonare l’aspetto di crescita personale che continuerà ad avere grande spazio e sarà sviluppato attraverso i nuovi argomenti di studio e di lavoro.

Ci sarà nuovamente l’occasione di riunire gli allievi di Torino e quelli di Roma?
Elena DDV Dragotto:
Sì. Soprattutto dopo quest’ultimo incontro in cui per la prima volta i due gruppi si sono incontrati, è ora esigenza di tutti quella di avere un’occasione in più per trovarsi nuovamente a lavorare tutti insieme. La sinergia che si è creata tra i due gruppi, portatori di Sé primari spesso polari tra di loro, è stata un’occasione in più per velocizzare e ampliare notevolmente il processo personale di ognuno e arricchire la personale esperienza di vita.

La professione di counselor relazionale è sempre più richiesta. Perché?
Elena DDV Dragotto:
Il “male di vivere”, dal mio punto di vista, dipende, nella stragrande maggioranza dei casi, dalla rigidità con cui si affrontano la complessità e le sfide della vita. Il counseling relazionale offre la possibilità di imparare ad attingere alle proprie risorse interiori per imparare a fluire, anziché contrapporsi, ai cambiamenti necessari che la vita, intesa come un susseguirsi incessante di cicli Vita/Morte/Vita, richiede. E’ la possibilità di riconoscere la propria complessità interiore e metterla al servizio della complessità della vita, in un incessante rispecchiamento reciproco e sinergico che ci avvicina sempre più alla nostra Unicità, unico obiettivo della nostra esistenza.
Il Voice Dialogue offre al counseling relazionale un approccio psico-spirituale che con dolcezza, compassione e rispetto facilita questo processo con sorprendente efficacia e profondità.

Maggiori informazioni:
www.elenadragotto.com
info@elenadragotto.com

angelo simone
Angelo Simone è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera come obiettore di coscienza, per 18 mesi, in ARCI - Legambiente Direzione Nazionale, nel 1990. In quell’ambiente ha appreso i principi guida dell’associazionismo “no profit” e della comunicazione per enti e istituzioni. Dal 1992 al 2005 ha collezionato rilevanti esperienze come copywriter in agenzie di comunicazione nazionali e internazionali tra cui Ayer, Grey, TBWA, Leo Burnett, Ogilvy, realizzando progetti di comunicazione per Telefono Rosa, Greenpeace, Medici senza Frontiere e grandi marchi del settore automotive, innovazione digitale, istituzioni. Oggi si occupa di scrittura in diversi ambiti: ufficio stampa, social media marketing , web marketing, sceneggiatura, narrativa.
Top