Ti trovi qui
Home > INTERVISTA > Giornata mondiale della salute. Intervista a Eliana Sabatini

Giornata mondiale della salute. Intervista a Eliana Sabatini

Per la Giornata mondiale della salute approfondiamo con Eliana Sabatini il rapporto tra salute e alimentazione

Il 7 aprile è la Giornata mondiale della salute. La scorsa edizione è stata dedicata al tema del food safety, ovvero del cibo sano, mentre l’argomento di quest’anno è il diabete. Ricerche e studi dimostrano sempre di più la correlazione tra salute e alimentazione; approfondiamo il tema con Eliana Sabatini, la counselor che inventato Ci-boh?!®, il percorso utile per chi ha problemi legati all’alimentazione e al cibo.

Qual è la relazione tra salute e alimentazione?

Eliana Sabatini: Il rapporto tra alimentazione e salute è strettissimo. Il nostro organismo risponde puntualmente, e al meglio delle sue possibilità, a tutto quello che introduciamo. Sono tre le tipologie di elementi fisici che ogni giorno entrano a far parte di noi: aria, acqua e cibo. Sull’elemento aria non abbiamo molta scelta, dobbiamo necessariamente respirare l’aria “disponibile” in quel momento e in quel luogo; per l’acqua già abbiamo delle chance in più, perché oltre a quella che esce dai nostri rubinetti possiamo anche procurarci acqua minerale di vari tipi o andare ad approvvigionarci a qualche fonte; ma è sul cibo che, invece, possiamo proprio sbizzarrirci, è qui che possiamo davvero operare per la nostra salute!

Lo slogan di Ci-boh?! recita “Quando il cibo è un problema, il cibo è la soluzione”. Ma cosa può significare per la salute di una persona?

Eliana Sabatini: La salute di ognuno di noi passa, in buona parte, da quello che mangiamo. È quindi importante avere uno strumento, come appunto Ci-boh?!, che ci permetta di riuscire a mantenere i nostri migliori propositi alimentari … perché anche il salutista più convinto ha i suoi “cibi tentatori” ai quali fatica a rinunciare. Il cibo è un contenitore ideale per i nostri problemi, tutti lo utilizziamo a questo scopo almeno qualche volta, proprio per questo motivo il cibo stesso può diventare a sua volta un problema. Se infatti il cibo fosse libero da ingombranti carichi emotivi, sarebbe semplice seguire una dieta sana ed equilibrata che ci permetta di mantenerci in salute.

Il percorso Ci-boh?! potrebbe essere utile anche per chi necessita di un’alimentazione controllata per motivi di diabete?

Eliana Sabatini: Utilizzare il metodo Ci-boh?! aiuta in tutti i casi in cui una persona abbia la necessità di variare la propria alimentazione. Quando viene diagnosticata una patologia come il diabete, riuscire a seguire il regime alimentare prescritto dal medico è davvero importante … ma anche davvero difficile, perché il diabete non è una malattia con una durata limitata nel tempo. Potrà essere tenuto sotto controllo con ottimi risultati, ma una volta insorta è una patologia permanente. Quindi il regime alimentare prescritto deve essere seguito costantemente, certo in base alla gravità potranno essere concesse più o meno eccezioni … ma l’attenzione al cibo, alla frequenza dei pasti, alla quantità degli alimenti dovrà diventare parte integrante della vita. In questi casi non si tratta di seguire una dieta pensando con impazienza al giorno in cui, raggiunti i risultati voluti, si potrà riprendere un’alimentazione più “disinvolta”, si tratta di cambiare, a volte in maniera radicale, il concetto stesso di alimentazione. Penso che in un contesto di questo tipo Ci-boh?! possa essere davvero una grande risorsa.

Info e approfondimenti

segreteria@ci.boh.it

angelo simone
Angelo Simone è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera come obiettore di coscienza, per 18 mesi, in ARCI - Legambiente Direzione Nazionale, nel 1990. In quell’ambiente ha appreso i principi guida dell’associazionismo “no profit” e della comunicazione per enti e istituzioni. Dal 1992 al 2005 ha collezionato rilevanti esperienze come copywriter in agenzie di comunicazione nazionali e internazionali tra cui Ayer, Grey, TBWA, Leo Burnett, Ogilvy, realizzando progetti di comunicazione per Telefono Rosa, Greenpeace, Medici senza Frontiere e grandi marchi del settore automotive, innovazione digitale, istituzioni. Oggi si occupa di scrittura in diversi ambiti: ufficio stampa, social media marketing , web marketing, sceneggiatura, narrativa.
Top