Ti trovi qui
Home > Centro Italiano Studi Mindfulness > Confereze > 5 ragioni per riscoprire la gentilezza

5 ragioni per riscoprire la gentilezza

La gentilezza esiste ancora? 5 buone ragioni per riscoprirla e apprezzarne i benefici effetti.

 #1 La gentilezza è un modo d’esprimersi ma, soprattutto, è un modo per coltivare sentimenti e qualità interiori. La pratica di gentilezza è l’atto di questa coltivazione.

#2 Agendo con gentilezza prima di tutto verso se stessi, si possono ritrovare equilibrio, armonia, forza vitale.

#3 Il cuore è come un lago, calmo e sereno, accogliente e profondo. Le nostre emozioni possono essere come le bestie feroci che vanno al lago per bere. Scacciarle renderebbe le acque mosse e torbide. Rimanere nella calma consapevolezza del lago ci permette di vedere la verità del nostro cuore. Essere gentili quindi significa anche non essere idealisti: non coltivare un’immagine irreale di noi stessi e della nostra vita

#4 “Solo le persone gentili sono veramente forti” ha detto James Dean

#5 La tolleranza nasce dalla pratica della gentilezza. La pratica della gentilezza è essenziale perché ci permette di andare al di là della visione ristretta delle nostre colpe e delle colpe altrui.

Se condividete uno o più di questi punti potrebbe interessarvi l’appuntamento del 13 novembre, a Genova. Può essere il modo migliore per ritrovare la gentilezza e, di conseguenza, migliorare il proprio rapporto con se stessi e con gli altri.

Dove

Sala Frate Sole, Piazza Bandiera, Genova

Quando

13 novembre 2016

L’evento è gratuito, ma è gradita la prenotazione a questo link

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-la-gentilezza-in-pratica-per-la-giornata-internazionale-della-gentilezza-28479387615

 

 

angelo simone
Angelo Simone è laureato in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera come obiettore di coscienza, per 18 mesi, in ARCI - Legambiente Direzione Nazionale, nel 1990. In quell’ambiente ha appreso i principi guida dell’associazionismo “no profit” e della comunicazione per enti e istituzioni. Dal 1992 al 2005 ha collezionato rilevanti esperienze come copywriter in agenzie di comunicazione nazionali e internazionali tra cui Ayer, Grey, TBWA, Leo Burnett, Ogilvy, realizzando progetti di comunicazione per Telefono Rosa, Greenpeace, Medici senza Frontiere e grandi marchi del settore automotive, innovazione digitale, istituzioni. Oggi si occupa di scrittura in diversi ambiti: ufficio stampa, social media marketing , web marketing, sceneggiatura, narrativa.
Top